Skip to content

Piodermite nel cane: prevenzione e cura

Piodermite nel cane: prevenzione e cura

La piodermite nel cane è una malattia batterica causata solitamente da Staphyloccus pseudintermedius, un microrganismo che fa parte del normale microbioma cutaneo canino. 

La piodermite può essere superficiale o profonda e può insorgere in seguito ad altre problematiche (malattie ormonali, parassitarie, infettive, allergiche, traumi, cattive condizioni igieniche).

La piodermite è rara nel gatto, con l’eccezione dei casi dovuti a ferite da graffio o da morso che si manifestano come ascessi o sul mento (acne felina).

Piodermite cane: le cause

I batteri che causano la piodermite nel cane sono presenti sulla cute come microbioma batterico residente. I batteri, infatti, risiedono normalmente sulla pelle integra senza causare infezione. 

Tuttavia, in alcune circostanze (come alterazioni cutanee, immunologiche e metaboliche) possono proliferare, dando origine all’infezione della cute.

In generale i cani sono più a rischio di sviluppare piodermite se hanno infestazioni da ectoparassiti concomitanti, malattie endocrine come l’ipotiroidismo o dermatiti allergiche

Inoltre, vi sono anche altre cause predisponenti alla piodermite nei cani, spesso subdole, come: 

  • alterazioni dell’ecosistema cutaneo (disbiosi)
  • l’età avanzata 
  • uso di farmaci che possono rendere la cute suscettibile alle infezioni batteriche.

In tutti i casi, la piodermite nei cani può svilupparsi in seguito ad escoriazioni causate dal prurito (grattamento, leccamento). 

Quali sono i sintomi della piodermite

La piodermite superficiale si manifesta con sintomi quali:

  • papule (puntini rossi rilevati)
  • pustole (bollicine con contenuto giallastro)
  • esfoliazione (forfora)
  • croste
  • collaretti epidermici (lesioni rotonde con forfora sul margine)
  • alopecia focale (perdita di pelo a chiazze) 

Il prurito può essere variabile. Nei casi cronici la cute diventa iperpigmentata (colorazione nerastra).

La topografia della lesione è varia, di solito sono più colpite le aree glabre: l’addome, l’inguine e il dorso. In alcuni casi la piodermite è focale  piodermite dei calli, piodermite del mento, ecc.).

La piodermite profonda

Nel caso di piodermiti profonde, le manifestazioni possono essere:

  • foruncoli
  • bolle emorragiche (cioè contenenti sangue)
  • ulcere
  • croste
  • noduli e fistole da cui esce materiale purulento.

La malattia può generare anche prurito o dolore; le lesioni possono essere localizzate o generalizzate. 

piodermite nel cane
 

Come si previene e si cura la piodermite del cane

Per prevenire la piodermite è fondamentale mantenere la salute della pelle, in modo che possa svolgere efficacemente il suo ruolo di barriera protettiva. 

Le misure per rafforzare la salute cutanea includono sia la regolazione del microbiota cutaneo sia l’uso razionale di farmaci e prodotti topici (la cute va coccolata). 

Possiamo inoltre contribuire a mantenere la cute sana, ad esempio, con buoni controlli antiparassitari, bagni con shampoo adeguati in animali con predisposizione, spazzolatura, ecc.

Cura della piodermite

Ricordando come prima regola la somministrazione razionale degli an

tibiotici, la cura della piodermite superficiale si basa su:

  • somministrazione di un antibiotico per via sistemica per almeno 3 o 4 settimane
  • uso di shampoo contenenti disinfettanti.

Gli antibiotici possono essere somministrati per via orale o per iniezione. 

Le applicazioni topiche farmaceutiche sono abbastanza rare, in veterin

aria è di routine l’uso di antibatterici presidi medico chirurgici (clorexidina, iodio, acqua ossigenata, ecc.), applicati localmente in una varietà di formulazioni come gel, schiume, creme, shampoo e spray. 

Tuttavia, la causa sottostante – che si tratti di parassiti, squilibri ormonali, allergie o problemi sanitari – deve essere affrontata in modo specifico per prevenire il problema e impedirne il ripetersi.

Piodermite: consigli per l'alimentazione del cane

Un'alimentazione adeguata è fondamentale per mantenere la pelle in buone condizioni. In particolare, l’alimentazione è importante per aiutare a mantenere l'equilibrio idrico della pelle, un adeguato strato lipidico e un corretto equilibrio degli acidi grassi.

La ristrutturazione cutanea e l’aumento della soglia di prurito con la dieta hanno avuto un grande successo nella pratica clinica dermatologica. Soprattutto nei pazienti affetti da dermatite atopica, in cui si hanno alterazioni della quantità e della composizione lipidica. 

La cute, come qualsiasi altro organo, deve infatti essere nutrita e mantenuta nello stato migliore possibile. Il suo ruolo è infatti quello di difendere dagli agenti esterni

Cause comuni della piodermite, soprattutto in estate

Per concludere, è bene ricordare le cause esterne che più comunemente possono portare a problemi di debolezza della cute e piodermite nei cani:

  • esposizione al sole
  • bagni in acqua di mare o in piscina
  • scarsa igiene
  • detersione con prodotti non idonei.

Trova il centro Ca' Zampa più vicino a te